MILLE EMOZIONI...UN SOLO FESTIVAL

Luoghi

Riscopriamo luoghi del passato della nostra terra e li guardiamo con gli occhi nuovi  di chi cammina con  in mente una meta.

Tradizioni

Riscopriamo le tradizioni del nostro popolo, legate alla terra e alle stagioni, in un progetto comune di valorizzazione.

Accoglienza

Diamo valore all’accoglienza tipica delle nostre genti, di chi accoglie senza se e senza ma e fa sentire l’ospite come fosse a casa sua.

Calabria: Terra di uomini ospitali

La Calabria è terra di uomini ospitali, nella pienezza del senso omerico. Se ne accorsero e ne scrissero molti illustri viaggiatori del passato, come Edward Lear, Maurits Escher, o come il glottologo Gerhard Rohlfs. I motivi che hanno ispirato l’idea del FESTIVAL DELLE ERRANZE E DELLA FILOXENÌA sono simili a quelli che inducono un viandante a mettersi in cammino. La sua mente sul principio sarà affollata di emozioni contrastanti, ma dopo i primi passi, quando l’incedere avrà trovato il suo ritmo, le idee si saranno disposte probabilmente in modo nuovo.Il Festival è il luogo dove s’incontrano viaggiatori, filosofi, religiosi, scrittori e artisti per indagare sull’arte di girare il mondo, sulla necessità di mettersi in cammino, sull’entusiasmo all’esplorazione.

Erranza e filoxenia

di Francesco Bevilacqua, ideatore del festival

Erranza è spirito d’avventura, desiderio d’esplorare. Erranza è riconoscere il sacro in ogni creatura, in ogni cosa. Erranza è camminare salmodiando una preghiera. Perché chi esplora cerca il senso dell’esistenza. Erranza è smarrimento, fragilità, tenerezza. Erranza è fatica, ebbrezza, stupore.

Erranza è l’ineluttabile scorrere della vita, il muovere perenne verso un approdo. Erranza è un luogo ove smarrirsi e infine ritrovarsi.
Filoxenìa è spirito di accoglienza, premura per l’ospite. E’ il valore sacro dell’ospitalità nel mondo greco antico.

Perché chi bussa alla tua porta potrebbe essere un dio sotto mentite spoglie. Filoxenìa è rispetto, generosità, altruismo. Filoxenìa è la disposizione d’animo di chi attende, sempre, e nello stesso tempo sa di essere atteso, ovunque.

Filoxenìa è un luogo ove dimorare in pace e letizia.
Gli abitanti divengono erranti. Gli erranti si fanno abitanti.

Francesco Bevilacqua

scopri il programma

7 luglio

Conflenti
Martirano Lombardo

I pastori di una volta

14 luglio

Lamezia Terme

Panta rhei.

Dall’Ocinaro al Bagni.

21 luglio

Serrastretta

Serrastretta si racconta

30 luglio

Carlopoli

Suoni in Abbazia

2 - 3 - 4 Agosto

Platania

Alla ricerca dei tesori perduti delle fate, sulle tracce di antichi stupori

17 Agosto

Motta Santa Lucia

Assaporando Motta

SCRIVI UN MESSAGGIO